Scroll to Top
Andrologo Urologo

Come migliorare l’erezione

Come migliorare l’erezione ed evitare di avere problemi: le 10 regole da sapere.

Vuoi sapere come migliorare l’erezione?

Sappi che i problemi di erezione riguardano circa 3 milioni di italiani.

A volte questi problemi sono conseguenza di uno stile di vita errato. Altre volte invece sono conseguenza di patologie pregresse. Come per esempio il diabete.

Vediamo quindi un insieme di regole che, se rispettate, aiutano a migliorare l’erezione e ad evitare di incorrere in problemi futuri.

  • Contenere e limitare i fattori di rischio vascolari. Bisogna tenere sotto controllo il colesterolo totale, HDL e LDL, prestando attenzione al rapporto tra il colesterolo buono (HDL) e quello cattivo (LDL). Attenzione anche alla pressione alta e al diabete. Sappiate che alcuni farmaci per la cura dell’ipertensione possono essere concausa di problemi di erezione. Nel caso parlatene con il vostro medico.
  • Eliminare il fumo. Il fumo oltre ad essere la prima causa di cancro ai polmoni, ha un impatto anche sull’erezione maschile.

  • Controllo del peso e obesità. Chi è in sovrappeso ha più facilità di sviluppare problemi di disfunzione erettile.
  • Analisi del sangue per valutare l’eventuale presenza di una malattia ormonale. Infatti il problema dell’impotenza potrebbe dipendere da bassi livelli di testosterone (ipogonadismo). Un calo fisiologico del testosterone è legato all’età. Diverso è il discorso di bassi livelli evidenziati dagli esami. In questo caso è necessario rivolgersi ad un endocrinologo di esperienza.
  • L’alimentazione svolge un ruolo fondamentale nel prevenire un numero elevato di malattie. L’alimentazione dovrebbe essere basata sul consumo di carboidrati non raffinati ricchi di fibre, proteine nobili, verdura e frutta di stagione. Anche una certa quantità di grassi sani sarebbero da consumare quotidianamente. I grassi sani sono quelli contenuti (anche) nella frutta secca. Oppure in alcuni pesci come il salmone o lo sgombro. Ricchi di grassi polinsaturi e monoinsaturi. Non vanno invece totalmente evitati i grassi saturi, importanti nella produzione di testosterone. Vanno, piuttosto, limitati. Evitare completamente il consumo di grassi idrogenati.
  • Limitare il consumo di alcool ad un bicchiere di vino rosso. Ricco di proprietà antiossidanti esplicate dai flavonoidi, dagli isoflavonoidi e dal revastrolo. Evitare invece il consumo di superalcolici.
  • Svolgere attività fisica. Non è necessario svolgere un numero improponibile, visto i numerosi impegni che ciascuno di noi ha, di ore a settimana. Quello che conta è piuttosto come questa attività fisica viene svolta. Camminare, perchè abbia un effetto terapeutico, richiede necessariamente più tempo di un’attività ad intervalli ad alta frequenza (HIIT). In questo caso potrebbero essere sufficienti 20 minuti 3 volte a settimana. 20 minuti è un “lasso temporale” che tutti possiamo trovare nel corso di una giornata.

Procediamo a vedere come migliorare l’erezione:

  • Il sonno. Il riposo è fondamentale per tutta una serie di fattori. E’ importante riuscire a dormire correttamente almeno 6/8 ore al giorno.
  • Evitare il consumo di droghe. Comprese quelle classificate come leggere o da “divertimento”. Le droghe agiscono sul sistema nervoso e causano danni più o meno gravi a secondo della tipologia di sostanza e dalla frequenza d’uso. Tenete presente che alcune droghe hanno effetti potenzialmente mortali anche alla prima assunzione (ecstasy per esempio).
  • Effettuare una visita andrologica. La visita andrologica permettere di individuare problematiche che potrebbero dare luogo a problemi di erezione. Anche nel caso in cui questi non si siano ancora manifestati.

Come migliorare l’erezione: la regola extra.

  • Consumate alimenti ricchi di vitamina C. Uno studio della prestigiosa Harvard University, condotto su oltre 20.000 uomini, ha scoperto che gli uomini che assumevano alimenti ricchi di vitamina C (arancia, mirtilli, fragole), almeno 2 volte a settimana, abbassavano il rischio di ipercolesterolemia di oltre il 10%. Il beneficio si ripercuote sul sistema cardiocircolatorio e sui vasi sanguigni. Alla base del meccanismo dell’erezione. Come abbiamo già visto in precedenti articoli, le malattie cardiovascolari sono spesso origine di disfunzione erettile. L’alimentazione, anche in questo caso, gioca un ruolo fondamentale. Non solo: la vitamina C essendo un potente antiossidante contribuisce alla produzione di spermatozoi sani e più longevi. Contribuendo quindi a migliorare la fertilità maschile. Da questo punto di vista anche il consumo di acidi grassi insaturi, DHA e EPA, favorisce la funzione riproduttiva. Gli Acidi Grassi Insaturi Omega 3 sono essenziali per la salute delle cellule spermatiche, migliorano la fertilità e hanno un’azione protettiva sull’endotelio. I forti fumatori, poi, possono giovare di un miglioramento della qualità dello sperma (fino ad un 15% di qualità) con un consumo regolare di alimenti ricchi di vitamina C.

Soffri di disfunzione erettile? Ottieni una consulenza medica qualificata gratuita e anonima facendo il Test di Andrologia Test Andrologia


erezione

Like it? Share it!